Jazz Bologna

Un reportage fotografico che racconta Il Jazz immerso nella città di bologna. Acura di Associazione Terzo Tropico e Associazione Jazz Club Bologna

Bologna può fregiarsi di un passato e di una tradizione musicale equiparabili solo a quelle di poche altre città in Europa. Per questa ragione la nostra città è stata dichiarata dall’Unesco “Città creativa della musica”, prima in Italia e seconda in Europa dopo Siviglia. Bologna vanta, infatti, una ricca tradizione musicale in continua evoluzione e un serio impegno a promuovere la musica come mezzo di sviluppo economico e di inclusione sociale e culturale. Un riconoscimento assegnato dalla Global Alliance, programma dell’organizzazione delle Nazioni Unite che valorizza le diversità culturali e le suemanifestazioni più significative. Le occasioni di ascoltare musica a Bologna sono numerose e di alto livello qualitativo, con gruppi e orchestre che spaziano tra generi diversi, dal jazz alla musica kletzmer, dal blue grass al rock fino al folk.

Un ruolo particolare in questo panorama spetta però al jazz. Fin dagli anni ’70 Bologna era una delle mete preferite da grandi artisti come Miles Davis, Gerry Mulligan, Julian Cannonball Adderley e tanti altri che si sono succeduti nella grande arena del palasport, riempito in ogni ordine di posti, grazie all’intuizione di Alberto Alberti che con il Festival del Jazz di Bologna fece della nostra città un punto di riferimento a livello internazionale.

Nel tempo, a fasi alterne, il jazz è sempre stato nel cuore dei bolognesi, con la famosa band di Nando Giardina che ha fatto conoscere il Lucio Dalla clarinettista, con le incursioni di Renzo Arbore e di tanti pionieri di una musica per certi versi a quei tempi misconosciuta in Italia e considerata riservata a pochi appassionati. La tradizione di questa musica nera ha poi avuto una grande rinascita agli inizi del 2000, grazie anche ai numerosi locali che hanno fatto di Bologna una piccola New York nel cuore dell’Emilia Romagna. Tutto ciò ha fatto sì che oggi siano numerosi i musicisti che vivono il jazz come la loro musica di elezione, permettendo anche a moltissimi giovani di avvicinarsi a questo genere musicale particolare ma che consente una grande possibilità di improvvisazione e di espressione artistica per i singoli, all’interno però di un ensemble univoco e perfettamente amalgamato.

Obiettivo

La fusione dei musicisti che abitano nella città e con essa lavorano è uno dei segreti della passione che anima il jazz a Bologna. I fotografi Ivano Adversi e Guido Samuel Frieri, che da tempo collaborano con la nostra Associazione, intendono con il loro lavoro evidenziare questo stretto connubio, riprendendo i musicisti bolognesi in luoghi più o meno noti, più o meno importanti della città. Luoghi che rappresentano il cuore pulsante di Bologna, come lo è il ritmo della musica jazz. Il risultato non sarà una semplice serie di ritratti in diversi spazi cittadini ma, tramite immagini di impatto emotivo, un filone conduttore che simbolicamente costituirà una sorta di colonna sonora per Bologna, mostrando al contempo la vita e l’architettura della città.

Metodi

Indicativamente le riprese fotografiche possono essere realizzate iniziando dall’autunno 2020 per concludersi nel corso del 2021.

Risultati

Dalle immagini raccolte durante la campagna fotografica si ricaveranno:
• Una selezione di circa 300 immagini fotografiche digitali ad alta risoluzione;
• Una mostra fotografica che associa testi e fotografie;
• Una pubblicazione a stampa composta da immagini e testi;
• Una multivisione digitale.

Durante il periodo espositivo, in collaborazione con l’amministrazione Comunale, potranno essere organizzati anche incontri con i cittadini che saranno soggetti delle riprese e delle immagini per la mostra.

Chi Siamo:

Associazione culturale TerzoTropico: Nata nel 1998, opera nel settore della comunicazione e della divulgazione, con particolare riguardo ai temi ambientali e sociali, utilizzando principalmente la fotografia come mezzo divulgativo.Numerose sono le collaborazioni con i Comuni della Provincia bolognese, con la Regione Emilia Romagna e altri Comuni italiani per la creazione di eventi culturali, anche orientati alle scuole. Collabora tuttora con importanti Enti, Istituzioni e Associazioni locali e nazionali. Le attività di Terzo Tropico:

• Ideazione e gestione di progetti fotografici;
• Realizzazione e produzione di mostre fotografiche e volumi di fotografia;
• Creazione e gestione di eventi e manifestazioni, come CLOSER, in collaborazione con Witness Journal e della sezione fotografia di I.TA.CA’ – migranti e viaggiatori, festival del turismo responsabile;
• Organizzazione di workshop in Italia e all’estero;
• Scenografie di spettacoli teatrali.

L’Associazione TerzoTropico vanta, tra i soci, anche esperti nel campo della multivisione e delle applicazioni multimediali. Da vari anni cura le mostre fotografiche esposte alla QR Photogallery (www.qrphotogallery.it), nella prestigiosa cornice del quadriportico dell’ex Ospedale Roncati, in Via Sant’Isaia 90, grazie alla preziosa collaborazione con l’Azienda USL di Bologna.
www.terzotropico.it
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Jazz Club Bologna: L’Associazione si è costituita con l’intento di promuovere e diffondere la cultura musicale, con particolare riguardo alla musica jazz, mediante concerti, corsi di formazione, proiezione di film o documentari, nonché dibattiti, conferenze, pubblicazioni, mostre fotografiche e manifestazioni similari a vantaggio dei propri soci e di chi ha interesse a esplorare la musica Jazz. L’obiettivo è quello di organizzare le attività nei mesi da ottobre a maggio all’interno della sede/club. La sede dell’Associazione è il Camera Jazz&Music Club, situato in vicolo Alemagna s.n.c a Bologna all’interno dello storico Palazzo Isolani, uno dei più importanti della città e collocato in uno degli spazi più suggestivi di Bologna. Il locale è allestito per dare ai soci un ambiente ospitale e caloroso, dove poter assistere a tutte le attività indisturbati, trovandosi in un luogo dove la musica è la protagonista principale. Il servizio bar permette di offrire un’ottima selezione di bevande, dai vini ai cocktail e aperitivi. L’assenza del servizio ristorazione consente di convogliare l’attenzione esclusivamente sull’aspetto artistico. L’Associazione intende creare una serie di eventi nazionali e internazionali con una programmazione in grado di arrivare a un pubblico molto vasto, composto sia da appassionati sia da neofiti, andando ad ampliare il target degli ascoltatori così da imporsi come strumento di formazione culturale, di inclusione e di aggregazione sociale. L’espressione artistica di musicisti di alto livello apporterà un prezioso contributo alla crescita culturale, alla promozione della musica nella comunità e ai musicisti stessi.

Informazioni aggiuntive

  • Data: Venerdì, 19 Febbraio 2021